Patch Test Napoli | Dott.ssa Maddalena Napolitano | Centro Morra

Patch Test Napoli | Dott.ssa Maddalena Napolitano | Centro Morra

Cosa sono i Patch Test (o prove allergiche)?

Il patch test è uno strumento diagnostico fondamentale per la diagnosi delle dermatiti allergiche da contatto con meccanismo ritardato.

Quando sottoporsi al Patch Test?

Il patch test si fa quando si notano dei sintomi sospetti come:

  • arrossamento della pelle
  • comparsa di bollicine
  • labbra gonfie
  • sensazione di prurito

Dove effettuare l’esame?

Dermatologo Napoli - Dott.ssa Maddalena Napolitano - dermatologia - Napoli

Effettua il tuo esame con la Dott.ssa Napolitano Maddalena, specializzata in prove allergiche e Patch Test.

Prenota al numero 081-19254750 presso il Centro Morra di Pomigliano d’Arco (Napoli)

 

In cosa consiste il Patch-Test?

Il Patch test consiste nell’applicazione sulla cute della schiena del paziente di singole cellette di materiale anallergico, fissate su un cerotto (il patch, appunto) che deve essere posizionato.

Attualmente, le serie di allergeni più complete contengono circa 40 gruppi sostanze.

Tra i gruppi di sostanze testate ce ne sono molte comunemente incontrate nella vita di tutti i giorni:

  • alcuni metalli (cromo, nichel, cobalto)
  • coloranti (para-fenilen-diamminai, disperso blu, disperso rosso)
  • conservanti per prodotti di igiene personale
  • sostanze presenti nei manufatti in gomma (tiuram) e nei cosmetici (parabeni).

Il cerotto deve essere mantenuto per 48-72 ore, facendo attenzione a non farlo staccare.

E’ possibile, trascorse 12-24 ore dall’inizio del test, che il paziente possa avvertire fastidio o prurito a causa della possibile reazione eczematosa che si viene a creare nel momento in cui si ha una reazione positiva ad una delle sostanze testate. Il patch test tuttavia non determina il rischio di reazioni gravi quali lo shock anafilattico.                                                                                                                                L’allergologo, trascorso il periodo di tempo prefissato, provvede a rimuovere il patch test ed a documentare la presenza di eventuali lesioni eczematose (arrossamento, prurito e piccole vescicole) in corrispondenza di uno o più degli apteni testati.

Posso assumere farmaci mentre eseguo il Patch-Test?

Prima di effettuare il test è necessario tenere presente che terapie cortisoniche sistemiche (per bocca o iniettive a partire da dosaggi di prednisone di 10 mg/die o equivalenti) o  locali a livello della cute del dorso, seguite per periodi prolungati potrebbero alterare il risultato del patch test.

E’ quindi opportuno che  tali terapie  vengano sospese almeno 15 giorni prima.

La terapia con antistaminici, al contrario, non interferisce con il risultato è può essere mantenuta.

Quanto tempo dura il Patch-Test?

Il paziente dovrà tenere i cerotti per 48 ore. Dopo tale periodo, lo specialista provvede a rimuovere il patch ed a verificare il risultato del test.

Posso Mangiare e Bere mentre eseguo il Test?

Si, si può sia mangiare che bere durante lo svolgimento del patch test. Tuttavia è importante fare attenzione affinché il supporto adesivo non si stacchi. Il paziente non dovrà quindi bagnare la schiena e dovrà evitare l’eccessiva sudorazione (astenersi da attività sportiva o lavori pesanti) poiché una volta bagnato il cerotto tende a staccarsi.

Quanto costa il Patch-Test?

Il patch test al Centro Morra di Pomigliano d’Arco (Napoli) costa 100 euro.

Come raggiungerci?

 

Parcheggio:

A pochi passi dalla struttura, di fronte alla Caffetteria  Leopardi,  c’è un grande parcheggio pubblico gratuito ed ombreggiato.