Ecografia al seno | Centro Morra (Napoli)

L’ecografia mammaria è un esame diagnostico che utilizza onde sonore ad alta frequenza per produrre immagini dei tessuti corporei immediatamente visualizzabili su uno schermo.

L’esame viene eseguito da un professionista sanitario specializzato e accreditato, come ad esempio un ecografista, un radiologo o un senologo.

Una ecografia del seno può aiutare a determinare se un nodulo palpato durante una visita senologica o attraverso l’autopalpazione, o visualizzato durante una mammografia è:

  • normale
  • pieno di liquido
  • solido.

L’ecografia del seno aiuta a distinguere i noduli pieni di fluido (cisti) da quelli solidi, che possono essere cancerosi o benigni (non cancerosi).

Un’ecografia del seno è molto utile per le giovani donne, il cui tessuto mammario risulta essere molto più denso rispetto a quello delle donne più anziane. Ciò potrebbe rendere difficile rilevare un anomalia del tessuto mammario tramite una mammografia.

Prenota la tua visita senologica col Dott. Marra chiamando al numero 081-19254750

Durata dell’ecografia al seno

L’esame dura circa 15-30 minuti.

Può capitare che l’ecografista vi chieda di aspettare che le immagini vengano controllate dal radiologo (medico specialista). A volte è necessario che il radiologo partecipi all’esame perché può essere importante valutare le immagini guardandole sullo schermo piuttosto che come immagini fisse.

Prima dell’esame

Non è necessaria alcuna particolare preparazione per questo esame.

Si consiglia di indossare un abbigliamento in due pezzi, in modo che solo la parte superiore debba essere rimossa per consentire l’accesso alla zona da esaminare.

Durante l’esame

Un radiologo specializzato eseguirà l’ecografia al seno.

Durante la procedura sarete stesi su un lettino per esami e le luci verranno abbassate per consentire una migliore visualizzazione delle immagini sullo schermo.

Una piccola quantità di gel idrosolubile (che non danneggia la pelle e non macchia gli abiti) viene applicato sulla pelle dell’area del seno da esaminare.

Una sonda viene applicata sulla zona da esaminare. Di solito, una certa pressione viene esercitata per ottenere una visualizzazione migliore, quindi, vengono raccolte le immagini. L’esame dell’ascella (o ascellare) sarà inoltre effettuato per valutare l’eventuale ingrossamento dei linfonodi.

Dopo l’esame

Al termine dell’esame il gel verrà asciugato con della carta assorbente. Non ci sono particolari avvertenze da seguire dopo l’esame: si può quindi riprendere la propria normale attività. Dopo l’esame ecografico, il radiologo discuterà i risultati con voi.

Rischi dell’esame

L’esame ecografico non presenta rischi, può essere effettuato anche in gravidanza, e consentela rilevazione e l’identificazione della maggior parte dei noduli al seno.

L’ecografia al seno può aiutare a:

  • Distinguere una cisti da un nodulo solido
  • Valutare la necessità di una biopsia del nodulo (ago aspirato)
  • Diagnosticare eventuali complicanze associate alla mastite (come un ascesso al seno).
  • Diagnosticare alcune condizioni che causano una secrezione dal capezzoli.

RISULTATI

Il radiologo stilerà un rapporto dettagliato dell’esame eseguito. Il tempo necessario per ricevere i risultati può variare in base all’urgenza.