Spirometria a Napoli: cos’è e dove farla

Esame di Spirometria NapoliLa spirometria è un comune esame utilizzato dal medico per valutare la gravità dei problemi respiratori di un paziente.

A cosa serve la spirometria?

Con la spirometria si valuta il funzionamento dei polmoni, misurando la quantità di aria che si inala, che si espira e quanto velocemente si espira.

La spirometria può essere effettuata anche periodicamente per verificare se un trattamento per una malattia polmonare cronica sta aiutando il paziente a respirare meglio.

A Pomigliano D’Arco, provincia di Napoli, presso il Centro Morra è possibile effettuare l’esame della spirometria con medici specializzati in malattia cardiache e respiratorie. Prenota la visita con la Dott.ssa Del Giudice, specializzata in pneumologia e malattie dell’apparato respiratorio. Chiama al numero 08119254750

La spirometria può anche essere associata alla valutazione dell’idoneità fisica di uno sportivo, consigliata in questo caso dal cardiologo dello sport.

 

Quando fare una spirometria?

L’esame della spirometria, viene consigliato dal medico, quando sospetta che i sintomi del paziente possano essere causati da una malattia polmonare cronica come:
•Asma
•Bronchite cronica
•Enfisema
•Fibrosi polmonare

Ci sono rischi per l’esame spirometrico? 

La spirometria è generalmente un esame privo di rischi. Il paziente può sentirsi a corto di fiato o avvertire vertigini per un momento dopo aver eseguito il test.

Poiché l’esame richiede un certo sforzo fisico, di solito non è consigliato a pazienti che hanno subito un attacco di cuore di recente o se hanno altri problemi cardiaci. Raramente, il test provoca gravi problemi respiratori.

Come prepararsi all’esame della spirometria?

La dott.ssa Del giudice, medico pneumologo del Centro Morra, consiglia di seguire  le istruzioni del medico circa l’uso di farmaci prima della prova.

La altre raccomandazioni sono le seguenti:
Indossare abiti comodi al fine di non interferire con la capacità di prendere un respiro profondo.
Evitare di mangiare abbondantemente prima dell’esame, in modo che sarà più facile respirare.

Cosa aspettarsi dall’esame della spirometria?

L’esame spirometrico richiede di respirare in un tubo collegato a una macchina chiamata spirometro. Prima di fare il test, un infermiere, un tecnico o il medico darà istruzioni specifiche al paziente. Ascoltare con attenzione le istruzioni e porre domande se qualcosa non è chiaro.

Il corretto svolgimento dell’esame è necessario per ottenere risultati accurati e significativi.

Ecco cosa aspettarsi durante l’esame spirometrico:
• Verrà chiuso il naso con una molletta per mantenere le narici chiuse.
• Il paziente dovrà inspirare ed espirare nel tubo al massimo della sua capacità per diversi secondi. È importante che le labbra creino un sigillo attorno al tubo, in modo che l’aria non fuoriesca.

Lo spirometro, registerà la quantità di aria che si inala, che si espira e quanto velocemente si espira.

Quanto tempo dura l’esame?

Il tempo per eseguire l’esame spirometrico è più o meno 20 minuti.

Il paziente dovrà svolgere l’esame più volte per assicurarsi che i risultati siano relativamente invariati.

Il valore più alto tra i tre risultati del test viene preso come il risultato finale.
Il medico in alcuni casi, potrebbe dare al paziente un farmaco per via inalatoria per aprire i polmoni (broncodilatatori) dopo le prime prove del test. Sarà necessario attendere 15 minuti e poi eseguire un’altra serie di misurazioni. Il medico può in seguito confrontare i risultati delle due misurazioni per vedere se il broncodilatatore ha migliorato il flusso d’aria del paziente.