Cura Bulimia Napoli | Dott.ssa Vozzella Carmela | Centro Morra

Cura Bulimia Napoli | Dott.ssa Vozzella Carmela | Centro Morra

La bulimia è un disturbo del comportamento alimentare che, nella persona affetta, è responsabile di grandi abbuffate di cibo, seguite da sensi di colpa e comportamenti anomali finalizzati alla “neutralizzazione” dell’apporto calorico di quanto ingerito.
La bulimia è un problema tipicamente femminile, che riguarda soprattutto le donne di età compresa tra i 16 e i 40 anni.

Prenota il tuo consulto con la Dott.ssa Vozzella Carmela

Psicologo Napoli: psicologia infantile

Effettua Studio Privato presso il Centro Morra di Pomigliano d’Arco (Napoli)

 

Prenota il tuo consulto al numero 081 884 6806

 

Per “neutralizzare” l’apporto calorico delle grandi abbuffate alimentari, il bulimico adotta varie strategie; quelle più comuni sono: il vomito autoindotto, l’assunzione impropria di lassativi, l’adozione di una dieta altamente restrittiva e l’esercizio fisico strenuo.

Che cosa è la Bulimia?

L’individuo che soffre di bulimia è soggetto a crisi durante le quali assume quantità eccezionali di cibo in maniera compulsiva e in un intervallo di tempo brevissimo. La vittima si getta su tutto quel che le capita a tiro, senza alcuna coerenza: lasagne, pizzette, biscotti, salatini, gelati

Una persona bulimica può ingurgitare migliaia di calorie in pochi minuti, generalmente di nascosto. L’episodio di appetito incontrollato può essere seguito da due reazioni ben diverse: c’è chi, temendo di ingrassare, si autoinduce al vomito e chi va incontro a problemi di obesità.

Le 3 tappe della bulimia nervosa

Prima della crisi: la persona bulimica si sente angosciata, tesa e irritabile. È assalita da un senso di vuoto e comincia a cercare freneticamente del cibo per calmare la crisi: a questo scopo, non esiterà a svaligiare frigo e credenza o a uscire a qualsiasi ora del giorno o della notte per comprare qualcosa da mangiare.

Durante la crisi: la persona bulimica perde totalmente il proprio autocontrollo e si getta su alimenti generalmente molto ricchi di grassi e calorie, inghiottendoli in qualche minuto e senza masticare. Tutto ciò avviene generalmente di nascosto dagli altri: ci si chiude in cucina o in bagno oppure si aspetta di essere soli.

La crisi è generalmente seguita un forte senso di colpa e dolori addominali. In reazione, qualcuno vomita automaticamente, qualcun altro ricorre al vomito autoindotto, qualcun altro ancora adotta comportamenti compensatori.

Dopo la crisi: dopo aver vomitato, la persona bulimica prova un senso di sollievo, che però è di breve durata e viene rapidamente sostituito dalla vergogna e dal senso di colpa. Si ripromette quindi di non ricominciare ma è consapevole del fatto che probabilmente ripeterà lo stesso errore molto presto. Nei casi più gravi, si possono avere tra le dieci e le quaranta crisi al giorno.

La bulimia nervosa è causa di depressione, isolamento, problemi relazionali e affettivi e dipendenza da sostanze.

Quali sono le cause della bulimia?

La bulimia è sempre sintomo di un malessere profondo e può essere causata da fattori psicologici legati a:

  • L’infanzia: cattive abitudini alimentari, gelosia nei confronti di un fratellino o di una sorellina, problemi relazionali, assenza della figura materna e abusi sessuali.
  • La visione del proprio corpo: paura ossessiva di ingrassare, compensazione attraverso il cibo, autopunizione.
  • Un episodio scatenante: la fine di una relazione, il divorzio dei propri genitori, un decesso, la perdita del lavoro, stress.

Per la cura della bulimia nervosa è necessario ricorrere ad un percorso psicoterapeutico mirato, ove il paziente sia assistito non solo dallo psichiatra, ma anche da un nutrizionista e uno psicologo/psicoterapeuta di formazione cognitivo comportamentale.

La psicoterapia di questo tipo, infatti, si è dimostrata l’intervento più efficace per la cura della bulimia, con effetti che si mantengono nel tempo anche cessando l’assunzione dei farmaci.

La terapia cognitivo-comportamentale della bulimia nervosa punta a cercare di modificare l’idea che il peso e le forme corporee costituiscano l’unico o il principale fattore in base al quale calcolare il proprio valore personale.

Il trattamento prevede tre fasi per una durata complessiva di almeno sei mesi:

  • La prima fase si propone di fornire informazioni sul disturbo e di ridurre le abbuffate regolarizzando la frequenza dei pasti e utilizzando attività alternative.
  • La seconda fase mira a rendere stabile il comportamento alimentare attraverso la normalizzazione delle porzioni e la scelta della qualità degli alimenti, e a ridurre l’eccessiva preoccupazione per il peso e le forme corporee connessa ai sintomi della bulimia.
  • La terza fase prevede l’applicazione di procedure finalizzate a prevenire le ricadute, a mantenere i risultati raggiunti durante il trattamento e alla preparazione della fine della terapia.

Come raggiungerci?

Indicazioni da Napoli:

Parcheggio:

A pochi passi dalla struttura, di fronte alla Caffetteria  Leopardi,  c’è un grande parcheggio pubblico gratuito ed ombreggiato.