Podologia nell’anziano Napoli | Dott.ssa Maria Rosaria Ferrara | Centro Morra

Podologia nell'anziano Napoli | Dott.ssa Maria Rosaria Ferrara | Centro Morra

Le persone anziane possono sviluppare, in seguito a patologie secondarie o semplicemente per l’avanzare dell’età, una serie di problematiche a livello dei piedi che possono influire negativamente sulla qualità della vita.

Il piede dell’anziano è infatti una “sindrome” pluri-fattoriale dovuta ad invecchiamento dell’apparato tegumentario, muscolare, scheletrico e del sistema cardiovascolare e nervoso.

Prenota con la Dott.ssa Ferrara Maria Rosaria

Podologo Napoli: Dott.ssa Maria Rosaria Ferrara

Effettua Studio Privato presso il Centro Morra di Pomigliano d’Arco (Napoli), a pochi km da Napoli

 

Prenota al numero 800.00.20.80

 

 

PATOLOGIE PODALICHE PIÙ FREQUENTI NELLA PERSONA ANZIANA

Podologia nell'anziano Napoli | Dott.ssa Maria Rosaria Ferrara | Centro Morra

Le problematiche tipiche del piede geriatrico  sono:

  • UNGHIE DISTROFICHE ED ISPESSITE: la maggior parte delle persone anziane ha difficoltà nell’ autogestione delle proprie unghie. Queste, con l’avanzare dell’età, spesso evolvono in una condizione definita onicauxi  ovvero un ispessimento della lamina ungueale che può causare onicomicosi. Questa condizione può portare alla formazione di calli subungueali (onicofosi) che possono evolvere in distacco totale o parziale dell’unghia dal letto ungueale (onicolisi). Un’altra tipologia di unghia distrofica, ispessita definita onicogrifosi può manifestarsi nell’anziano in seguito a traumi della matrice dell’unghia.

 

  • ALTERAZIONI DELL’IDRATAZIONE CUTANEA: Altra problematica molto comune del piede geriatrico è la macerazione della pelle conseguente allo squilibrio dell’idratazione cutanea, all’utilizzo di calzature inappropriate o deformità delle dita, che costrette in posizioni anomale urtano tra loro con conseguente infiammazione e macerazione. La macerazione della cute è da non sottovalutare in quanto porta a lesioni cutanee che, una volta aperte, costituiscono terreno fertile per batteri o spore fungine e possono evolvere in vere e proprie ulcerazioni. Allo stesso modo un’eccessiva secchezza cutanea, può dare vita a lesioni cutanee ed esporre al rischio di infezioni.
  • ALTERAZIONI MUSCOLOSCHELETRICHE: l’alterazione della massa muscolare nell’anziano è conosciuta con il termine di “sarcopenia senile”. L’invecchiamento porta a cambiamenti anche a livello di tendini e legamenti e all’insorgenza di osteoporosi. Tali alterazioni muscoloscheletriche causano una serie di difficoltà che intaccano ’equilibrio dell’anziano aumentando il rischio di cadute.
  • ll PIEDE DIABETICO (o piede neuropatico) è una delle complicanze più diffuse del diabete. Si tratta di una patologia invalidante, che causa alterazioni anatomo-funzionali di piede e caviglia.

Podologia nell'anziano Napoli | Dott.ssa Maria Rosaria Ferrara | Centro Morra

 

  •  MICOSI ED INFEZIONI BATTERICHE: La difficoltà dell’anziano nella cura delle unghie può avere conseguenze anche sulla propria igiene personale. Ciò può portare a cambiamenti della struttura della lamina ungueale rendendola più vulnerabile alle micosi e infezioni batteriche.

 

IL RUOLO DEL PODOLOGO NELLA GESTIONE DEL PAZIENTE ANZIANO

La dott.ssa Maria Rosaria Ferrara, nel corso della visita podologica, oltre ad effettuare trattamenti specifici, fornisce un’educazione sanitaria al paziente geriatrico mettendolo a conoscenza di tutte le problematiche che potrebbe riscontrare e suggerendo un approccio quotidiano preventivo delle stesse.

Alcuni dei consigli più utili:

  • chiedere aiuto ai familiari se si hanno difficoltà nella gestione quotidiana della propria igiene;
  • tenere sotto controllo lo stato di idratazione della cute: mantenere un ambiente cutaneo idratato evitando sia una condizione di eccessiva umidità, che potrebbe causare macerazione, ma anche eccessiva secchezza che potrebbe causare fissurazioni;
  • scegliere creme e detergenti cutanei adatti al proprio tipo di pelle;
  • asciugare bene la pelle dopo il lavaggio con particolare attenzione alla pelle tra le dita (si può usare un asciugacapelli mantenuto a debita distanza);
  • utilizzare calzature specifiche alle proprie esigenze e morfotipo podalico (tipo di piede) che diano supporto articolare, abbiano una tomaia morbida e automodellante e che mantengano all’interno un ambiente fresco ed asciutto;
  • evitare di camminare scalzi: questo può aumentare il rischio di ferirsi accidentalmente e contrarre infezioni batteriche o fungine; inoltre aumenta il rischio di cadute.

Come raggiungerci?

A pochi passi dalla struttura (4 minuti a piedi : Google Maps), di fronte alla Caffetteria  Leopardi,  c’è un grande parcheggio pubblico ed ombreggiato.