Soffio cardiaco Napoli – Centro Morra

Cos'è il soffio cardiaco al cuore

Cos’è il soffio al cuore

Il soffio cardiaco è un rilievo clinico che può essere scoperto nel corso di visite occasionali e fino a quel momento chi ne è portatore non ne è a conoscenza.

In realtà, concretamente, si tratta di un rumore udibile dallo specialista auscultando il cuore con il fonendoscopio.

Normalmente lo scorrimento del sangue all’interno dei vasi sanguigni (arterie e vene) o delle camere cardiache (atri e ventricoli) avviene silenziosamente per il cosiddetto flusso “laminare”, attraverso condotti con pareti lisce e prive di ostacoli al flusso.
Quando diviene in maniera più turbolenta, genera un rumore simile ad un “soffio”, da cui il nome.

In condizioni patologiche, un flusso turbolento può determinarsi in caso di restringimentoo insufficienza delle valvole cardiache.

Un soffio di origine valvolare non ha necessariamente però una valenza significativa e nella maggioranza dei casi non incide sulla possibilità di svolgere attività sportiva piena.

cardiologia napoli

Il Dott. Pasquale Morra è Direttore Sanitario del Centro Morra di Pomigliano (Napoli).

Il Centro Morra vanta uno staff di cardiologi esperti nell’indagine del soffio cardiaco, anche pediatrico.

Prenota la tua visita chiamando al numero 081- 8846806 e consulta gli esperti.

Il soffio cardiaco può determinarsi anche per una contrazione iper-normale del cuore come accade in molti giovani con soffi cosiddetti innocenti o funzionali, privi di significato patologico.

In generale possiamo dire che un soggetto asintomatico, con normale tolleranza allo sforzo, con uno sviluppo costituzionale normale, normale pressione e frequenza cardiaca, la causa di un soffio sistolico (fase del ciclo cardiaco nella quale il cuore si contrae) è quasi sempre funzionale, benigna, non patologica.

Cosa fare quando viene rilevato un soffio cardiaco?

Un soffio, anche quando riflette una anomalia di struttura e funzione, non richiede terapie particolari.

Ma monitorare la situazione con visite periodiche può essere sicuramente la scelta consigliata.

L’ecocardiogramma, ad esempio, consente di visualizzare l’immagine del cuore mentre batte, osservare le camere e valvole in movimento e i flussi sanguigni, quindi è un esame molto utile nei casi di soffio cardiaco.

Soffio cardiaco “innocente”

Se compare in giovane età, esso è più spesso di tipo “innocente”, dovuto cioè alla velocità dei flussi intracardiaci e vascolari tipici dell’apparato cardiovascolare giovanile che è iperdinamico (nella prima infanzia la frequenza cardiaca è molto più elevata che nel seguito della vita).

Essi sono determinati da un aumento della gittata cardiaca negli sportivi, anemia, ipertiroidismo, o in casa di ansia, o di febbre.

Alcuni campanelli d’allarme

Vi sono alcuni possibili campanelli di allarme da non sottovalutare:

  • eccessivo aumento a riposo della frequenza cardiaca
  • mancanza di fiato
  • intolleranza allo sforzo
  • dolore toracico
  • temporanea perdita di coscienza.

Le cause

Con l’aumentare della vita media sono  aumentate numerose patologie e in particolare, quelle legate al cuore. Il “soffio” al cuore è in grande crescita nella popolazione anziana.

In passato era la malattia reumatica che determinava più frequentemente le alterazioni delle valvole cardiache. Oggi, grazie alle cure e alla migliore qualità di vita della popolazione, questa causa è divenuta marginale, ma sono emersi altri aspetti delle malattie valvolari che erano sottostimati o sconosciuti.